Easyscacchi

Dettaglio corsi Domenico lattanzi

Domenico Lattanzi
Giocatore dal 1991 – Prima Categoria Nazionale
Istruttore dal 2001 – FIDE instructor
Nel 2005 pubblica il libro per principianti “Corso Base di Scacchi” con la Prisma Editori
Nel 2013 pubblica il motore scacchistico “Vitruvius” in team con altri due esperti sotto la Prisma Editori

CORSO BASE DI SCACCHI
Il corso è rivolto a persone di età non inferiore a 13 anni compiuti, completamente digiune del gioco, o che hanno la sola conoscenza del movimento dei pezzi con, al più, qualche conoscenza frammentaria sulla conduzione di una partita a scacchi. La durata del corso è di 8 lezioni, della durata di 1 ora e mezza ognuna, con cadenza di una volta a settimana nell’arco di 2 mesi.
Il programma è il seguente:
• Scacchiera, movimento dei pezzi, scacco, scacco matto e mosse speciali.
• Casi di patta. Notazione algebrica per la trascrizione delle mosse.
• Il valore dei pezzi. Condotta delle partite basata sulle minacce dirette.
• La fase di apertura. Condotta generale della fase di apertura. Esercitazione pratica sull’apertura.
• Il conteggio dei tempi con esempi. Gambetti: materiale in cambio di tempo.
• Il finale nella partita a scacchi. Finali di Re e Donna contro Re solo, Re e Torre contro Re solo. Altri finali elementari.
• Condotta generale del finale nel caso più generale.
• Il medio-gioco nella partita a scacchi. Medio-gioco posizionale e medio-gioco tattico. Combinazioni e loro classificazione. Esempi di combinazioni.
• Temi strategici della colonna aperta ed alfieri “buoni” o “cattivi”, con partite di esempio.

CORSO INTERMEDIO DI SCACCHI
Il corso è rivolto a chi sa già giocare, fino alla Prima Categoria Nazionale. Vengono trattati argomenti avanzati ed è necessaria una concreta esperienza pregressa di gioco; le persone che non la posseggono, pur avendo concluso il corso base di scacchi e/o il ciclo di approfondimento, sono sconsigliate dall’accedere a questo corso, di complessità certamente fuori della loro portata.
Il programma è il seguente:
• Metodo di acquisizione e mantenimento della capacità di calcolo tattico. Test tattico di allenamento e successiva revisione.
• Contatti. Contatti di attacco, di difesa, di limitazione. Applicazioni dei contatti di limitazione all’intrappolamento dei pezzi
avversari. Rete di matto e sua applicazione alle combinazioni sul Re nemico e alle combinazioni di stallo.
• Contatti a Raggi X. Applicazione dei contatti ai finali: barriere, violazione del blocco operato da una barriera.
• Avamposti. Avamposti e punti forti. Avamposti con compiti distruttivi. Avamposti con compiti preventivi.
• Affiancamento di avamposti nell’apertura e nel mediogioco.
• Posizioni non trattabili con il principio dell’affiancamento: pedone isolato centrale, pedoni sospesi.
• Finali di torre e pedoni e loro metodo di conduzione con esempi.

CICLO DI APPROFONDIMENTO DI SCACCHI
Si tratta di un ciclo di lezioni che approfondiscono i temi della apertura, del mediogioco e del finale. È rivolto a coloro i quali hanno partecipato al corso di base (o ne conoscono del tutto o quasi gli argomenti), e conoscono pertanto cosa sono l’apertura, la tattica, la strategia ed il finale, ma non conoscono le principali aperture di gioco aperto e semiaperto, né i vari temi tattici e strategici. Tale ciclo di lezioni è il naturale seguito del corso di base, e costituisce lo studio (per l’appunto, di approfondimento) che deve essere fatto dopo i primi rudimenti per un notevole arricchimento del proprio bagaglio tecnico e una performance molto migliore in partita.
La durata del corso è di 8 lezioni, della durata di 1 ora e mezza ognuna, con cadenza di una volta a settimana nell’arco
di 2 mesi.
Il programma è il seguente:
• Aperture di gioco aperto e semiaperto. Rassegna di aperture, con varianti principali e percentuali di successo in torneo. Infilata, Inchiodatura, Scoperta.
• Partite di attacco e contrattacco. Debolezza della 7a ed 8a traversa.
• Deviazione e adescamento. Debolezza delle case di un determinato colore. Case deboli.
• Pedoni passati. Il controllo di una linea. Gruppi isolati di pedoni.
• Eliminazione difese e sovraccarico. Sgombero, interferenza, autoblocco. Mediocre posizione di un pezzo.
• Il principio delle due debolezze. Attacco sul Re, al centro o arroccato.
• Re e Pedone contro Re. Sacrifici reali.
• Mosse intermedie e trappole. Finali di soli pedoni.